ONLY POSERS DIE

2021

 
 

THOMAS RAY IS BACK

2019 -2021

"Nelle vene di Thomas Raimondi scorre l’undergound dei cattivi maestri, quelli che ti portano ad un delirio che chissà perché si ostinano a chiamare “concerto”, quelli che raccolgono il molare che hai perso pogando e lo buttano nella lattina di birra del tizio che chiede l’elemosina per strada. Quelli che, come il Perkus di Chronic City [di Jonathan Lethem, Il Saggiatore 2010, n.d.r.] citano dischi oscuri e passi sconnessi da libri che hanno letto solo loro. Quelli che ti fanno imbottire di roba psichedelica e poi ti mandano in bad trip vomitandoti addosso la loro visione della società e brandendo come un coltello un indice secco e ingiallito puntato sull’ipocrisia e la merda del mondo. Vagonate di merda, nella quale ti farà immergere come contro-incantesimo, come antidoto, e che trasuderai, da solo, di notte, negli incubi alcoolici".

Simone Sbarbati - Fondatore & Editore di FrizziFrizzi

 
 

MIXED UP

2013 - 2017

"The work of Thomas Ray captures a very dense climate and mood on the pieces, still, they’re so different among each other.. definitely evil inside".

Strange Publication - Art Magazine

 
 

FIORI DI PIETRA + CLAUSTRUM

2010 - 2012

"Like the scene of an accident, it is difficult to peel your eyes off of the work of Thomas Ray. Though some of his 'erotic' illustrations and drawings are more on the creepy - grotesque side, there are also those moments of near perverse seduction in some of the characters he depicts that I find appealing in a strange sort of way..."

Juxtapoz - Art Magazine

 
 

ECOLINE

2008 - 2009

"His work can be described as; shocking, horrifying, radical, anti pop, and outsider. He paints lots of tattooed punk mutant cannibals superimposed onto bright colorful worlds. The contrast is sunning and fresh. Thomas has a unique artistic vision which I haven't seen before.

Thomas currently lives in Italy. Personally I think he's the greatest thing to come out of Italy in the last hundred years. Thomas has a bright future ahead of him".

Justin Aerni - Artist

 
 

MOLESKINE

2008

 
 

VERITAS VOS LIBERAT

2008

"Rosso/Nero.

Esserini vibranti che fluttuano nello spazio. Terrificanti presenze che, urlanti, brancolano in uno luogo lattiginoso senza dimensioni. 

La realtà conturbante di Thomas lascia poco adito alle impressione: è l'espressione che viene minata.

Uomini macrocefali, forzuti, devastati da forze endogene.. senza occhi o con molteplici, tatuati o mozzati, aggressivi, famelici, spaventosi. Potessero proferir parola, parlerebbero di oscenità o emetterebbero suoni striduli e cavernosi.

Mondo di paure e strane simbologie.

I tratti che li racchiudono e li definiscono sono lievi e sicuri. I tratteggi graffianti...

Thomas Ray, creatore di un realtà parallela e pacificamente bidimensionale".

Elena Bordignon - Curatrice